F A R E A P P A L T I

caricamento in corso....

L’ADUNANZA PLENARIA PRONUNCIA SULLA PARTECIPAZIONE ALLE PROCEDURE AD EVIDENZA PUBBLICA DI UN OPERATORE ECONOMICO CHE HA PRESENTATO DOMANDA DI CONCORDATO PREVENTIVO IN BIANCO.

Cons. St., A.P., 27 maggio 2021, n. 11

Secondo l’Adunanza Plenaria la presentazione di una domanda di concordato in bianco non integra una causa d’esclusione, essendo rimessa al Giudice fallimentare, a cui si deve rivolgere tempestivamente l’operatore economico, la valutazione in merito alla partecipazione alla gara.

“…La presentazione di una domanda di concordato in bianco o con riserva, ai sensi dell’art. 161, comma 6, legge fallimentare non integra una causa di esclusione automatica dalle gare pubbliche, per perdita dei requisiti generali, essendo rimesso in primo luogo al giudice fallimentare in sede di rilascio dell’autorizzazione di cui all’art. 186 bis, comma 4, e al quale l’operatore che ha chiesto il concordato si deve tempestivamente rivolgere fornendo all’uopo le informazioni necessarie, valutare la compatibilità della partecipazione alla procedura di affidamento in funzione e nella prospettiva della continuità aziendale; la partecipazione alle gare pubbliche è dal legislatore considerata, a seguito del deposito della domanda di concordato anche in bianco o con riserva, come un atto che deve essere comunque autorizzato dal tribunale, acquisito il parere del commissario giudiziale ove già nominato, ai sensi dell’art. 186 bis, comma 4, da ultimo richiamato anche dagli artt. 80 e 110 del codice dei contratti; a tali fini l’operatore che presenta domanda di concordato in bianco o con riserva è tenuto a richiedere senza indugio l’autorizzazione, anche qualora sia già partecipante alla gara, e ad informarne prontamente la stazione appaltante; l’autorizzazione giudiziale alla partecipazione alla gara pubblica deve intervenire entro il momento dell’aggiudicazione della stessa, non occorrendo che in tale momento l’impresa, inclusa quella che ha presentato domanda di concordato in bianco o con riserva, sia anche già stata ammessa al concordato preventivo con continuità aziendale…”.

Articoli collegati