F A R E A P P A L T I

caricamento in corso....

Principio Equivalenza – No necessaria apposita dichiarazione. Valutazione implicita. Idoneità schede tecniche

I concorrenti non sono peraltro onerati di una apposita formale dichiarazione che circa l’equivalenza funzionale del prodotto offerto, potendo la relativa prova essere fornita con qualsiasi mezzo appropriato…La Commissione di gara…può effettuare la valutazione di equivalenza anche in forma implicita, ove dalla documentazione tecnica sia desumibile la rispondenza del prodotto al requisito previsto dalla lex specialis (Cons.

Illeciti professionali sopravvenuti – Self cleaning in corso di gara. Legittimità

Se è vero che le misure di self cleaning sono state adottate dalla società nel corso della procedura è altrettanto vero che le vicende penali che le hanno rese necessarie sono emerse soltanto dopo la presentazione dell’offerta, sicché esse devono essere considerate tempestive rispetto all’evolversi delle indagini e indicative della volontà di dissociarsi immediatamente dalla condotta illecita

Principio equivalenza – Obbligo per la stazione appaltante

IL PRINCIPIO DI EQUIVALENZA TROVA APPLICAZIONE INDIPENDENTEMENTE DA ESPRESSI RICHIAMI NEGLI ATTI DI GARA O DA PARTE DEI CONCORRENTI, IN TUTTE LE FASI DELLA PROCEDURA DI EVIDENZA PUBBLICA; L’ART. 68, COMMA 7, D.LGS. N. 50/2016 NON ONERA I CONCORRENTI DI UN’APPOSITA FORMALE DICHIARAZIONE CIRCA L’EQUIVALENZA FUNZIONALE DEL PRODOTTO OFFERTO, POTENDO LA RELATIVA PROVA ESSERE FORNITA CON QUALSIASI

Principio di equivalenza – Requisito minimo offerta – Inapplicabilità.

NON PUÒ TROVARE APPLICAZIONE IL PRINCIPIO DI EQUIVALENZA DI CUI ALL’ART. 68, COMMA 7, DEL D.LGS. N. 50/2016, IN VIRTÙ DEL QUALE VIENE CONCESSO A CIASCUN CONCORRENTE LA FACOLTÀ DI OFFRIRE SOLUZIONI CHE POSSANO SODDISFARE – IN MODO PRESSOCHÉ EQUIVALENTE – I REQUISITI DELLE SPECIFICHE TECNICHE INDIVIDUATI, A MONTE, DALLA STAZIONE APPALTANTE. IL CARATTERE DI “REQUISITO