F A R E A P P A L T I

caricamento in corso....

LA NORMA NAZIONALE CHE PREVEDE L’ESCLUSIONE AUTOMATICA DEL CONCORRENTE NELL’IPOTESI IN CUI LA SOCIETA’ AUSILIARIA RENDA DICHIARAZIONI FALSE OSTA AL DIRITTO EURO-UNITARIO

Corte di giustizia europea, Sez. IX, 03.06.2021 n. C-210/20

L’articolo 63 della direttiva 2014/24/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sugli appalti pubblici e che abroga la direttiva 2004/18/CE, in combinato disposto con l’articolo 57, paragrafo 4, lettera h), di tale direttiva e alla luce del principio di proporzionalità, deve essere interpretato nel senso che esso osta a una normativa nazionale in forza della quale l’amministrazione aggiudicatrice deve automaticamente escludere un offerente da una procedura di aggiudicazione di un appalto pubblico qualora un’impresa ausiliaria, sulle cui capacità esso intende fare affidamento, abbia reso una dichiarazione non veritiera quanto all’esistenza di condanne penali passate in giudicato, senza poter imporre o quantomeno permettere, in siffatta ipotesi, a tale offerente di sostituire detto soggetto...”

Articoli collegati