F A R E A P P A L T I

caricamento in corso....

Illeciti Professionali – Oneri dichiarativi. Procedimenti penali in corso – No necessaria definitività accertamenti penali – Necessità adeguata istruttoria e motivazione.

Non è configurabile in capo all’impresa alcun filtro valutativo o facoltà di scegliere i fatti da dichiarare, sussistendo l’obbligo della onnicomprensività della dichiarazione, in modo da permettere alla stazione appaltante di espletare, con piena cognizione di causa, le valutazioni di sua competenza. La valutazione circa la sussistenza dei gravi illeciti professionali rilevanti ai fini dell’esclusione

Illeciti Professionali – Precedenti esclusioni e dichiarazioni.

IL PARTECIPANTE AD UNA GARA DI APPALTO NON È TENUTO A DICHIARARE LE ESCLUSIONI COMMINATE NEI SUOI CONFRONTI IN PRECEDENTI GARE PER AVER DICHIARATO CIRCOSTANZE NON VERITIERE, POICHÉ, AL DI LÀ DEI PROVVEDIMENTI SANZIONATORI SPETTANTI ALL’ANAC IN CASO DI DOLO O COLPA GRAVE NEL MENDACIO, LA CAUSA DI ESCLUSIONE DELL’OMETTERE LE INFORMAZIONI DOVUTE AI FINI

Perimetro obbligo dichiarativo precedenti provvedimenti esclusione

COSTITUISCONO OGGETTO DI OBBLIGO DICHIARATIVO LE VICENDE CHE SIANO EFFETTIVAMENTE FUNZIONALI ALL’ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO DI INTEGRITÀ ED AFFIDABILITÀ DEL CONCORRENTE, RISERVATO ALLA STAZIONE APPALTANTE. NON COSTITUISCE OGGETTO DI OBBLIGO DICHIARATIVO IL PROVVEDIMENTO DI ESCLUSIONE DA UNA DETERMINATA PROCEDURA DI GARA, IN SÉ CONSIDERATO; TUTTAVIA, CON RIFERIMENTO AI CASI IN CUI IL PROVVEDIMENTO ESPULSIVO SIA STATO

Motivazione ammissione – Non necessaria – Eccezione.

LA STAZIONE APPALTANTE DEVE MOTIVARE PUNTUALMENTE LE ESCLUSIONI, E NON ANCHE LE AMMISSIONI, SE SU DI ESSE NON VI È, IN GARA, CONTESTAZIONE. TALE REGOLA E’ DESTINATA A SUBIRE ECCEZIONE NEL CASO IN CUI LA PREGRESSA VICENDA PROFESSIONALE DICHIARATA DAL CONCORRENTE PRESENTI UNA PREGNANZA TALE CHE LA STAZIONE APPALTANTE NON POSSA ESIMERSI DA RENDERE ESPLICITE

Decreti penali di condanna opposti – Vanno dichiarati quali possibili illeciti professionali

NON V’È DUBBIO CHE DINANZI AD UNA SPECIFICA DISPOSIZIONE DELLA LEX SPECIALIS, I DECRETI PENALI, ANCHE SE OPPOSTI, COSTITUIVANO FATTI RILEVANTI DA DICHIARARE, IN QUANTO AFFERENTI A IPOTESI DI REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, DI DIRITTO AMBIENTALE, SOCIALE E DEL LAVORO, VIOLAZIONI CHE CERTAMENTE RIENTRANO NELLE CASISTICHE INDICATE DALL’ART. 80, C.

Le precedenti esclusioni non vanno dichiarate

IL PARTECIPANTE AD UNA GARA NON È TENUTO A DICHIARARE LE ESCLUSIONI DISPOSTE NEI SUOI CONFRONTI IN PRECEDENTI GARE E, PERTANTO, NON INCORRE IN OMISSIONE INFORMATIVA RILEVANTE AI SENSI AI DELL’ART. 80, COMMA 5, LETT. C-BIS), DEL D.LGS. N. 50/2016. TAR Campania Napoli, Sez. II, 31.01.2022, n. 639 “…le doglianze inerenti alla denunciata totale e parziale

Dichiarazione reticente – nessun automatismo espulsivo

LA VIOLAZIONE DEGLI OBBLIGHI INFORMATIVI DISCENDENTI DALL’ART. 80, COMMA 5, LETT. C) DEL D.LGS. 50/2016, NON PUO’ COMPORTARE L’ESCLUSIONE AUTOMATICA DEL CONCORRENTE RETICENTE. Cons. St., Sez. v, 15.12.2021, n. 8360 “…Invero la violazione degli obblighi informativi discendenti dall’art. 80, comma 5, lett. c), D.Lgs. 50/2016 intanto può comportare l’esclusione del concorrente reticente, in quanto essa sia stata

Precedente esclusione – non va dichiarata

IL PARTECIPANTE AD UNA GARA DI APPALTO NON È TENUTO A DICHIARARE LE ESCLUSIONI COMMINATE NEI SUOI CONFRONTI IN PRECEDENTI GARE PER AVER DICHIARATO CIRCOSTANZE NON VERITIERE, POICHÉ, AL DI LÀ DEI PROVVEDIMENTI SANZIONATORI SPETTANTI ALL’ANAC IN CASO DI DOLO O COLPA GRAVE NEL MENDACIO, LA CAUSA DI ESCLUSIONE DELL’OMETTERE LE INFORMAZIONI DOVUTE AI FINI

Rilevanza temporale obbligo dichiarativo delle condanne non automaticamente escludenti

ALLA LUCE DI UN’INTERPRETAZIONE COSTITUZIONALMENTE ORIENTATA E SISTEMATICA DELLA NORMATIVA, NONCHÈ DEL PRINCIPIO DI PROPORZIONALITÀ DI DERIVAZIONE EUROUNITARIA CHE PURE GOVERNA LA MATERIA, IL COLLEGIO, RITIENE CHE IL TERMINE DI TRE ANNI DI CUI AL COMMA 10-BIS SIA APPLICABILE AGLI ILLECITI PROFESSIONALI CONTRATTUALI E ALLE CONDANNE SUPERIORI AI TRE ANNI STESSI, MENTRE LADDOVE LA DURATA

Illeciti professionali – Omissione dichiarativa socio 50%

DEVONO ESSERE DICHIARATI GLI ILLECITI PROFESSIONALI COMMESSI DAL SOCIO AL 50%. L’OMISSIONE DICHIARATIVA NON GIUSTIFICA L’AUTOMATICA ESCLUSIONE DEL CONCORRENTE, ESSENDO NECESSARIA UNA PREVENTIVA ISTRUTTORIA TESA A VALUTARE LE CONDOTTE SOTTACIUTE DALL’OPERATORE ECONOMICO. TAR Puglia Bari, Sez. III, 07.10.2021, n. 1445 “…Invero, il primo motivo di gravame sia del ricorso introduttivo, sia dei motivi aggiunti va