Consorzio Stabile – Modifica in corso di gara per sopravvenuta perdita requisito – Legittimità.

La modifica soggettiva del raggruppamento temporaneo di imprese, in caso di perdita dei requisiti di partecipazione di cui all’art. 80 d.lgs. 18 aprile 2016 n. 50 (Codice dei contratti pubblici) da parte del mandatario o di una delle mandanti, è

Requisiti in misura maggioritaria mandataria – Disapplicazione

Stante la primazia del diritto euro-unitario – così come interpretato dalla CGUE – rispetto al diritto nazionale, l’articolo 83, comma 8, del d.lgs. n. 50/2016 deve essere disapplicato, per contrasto con il diritto dell’Unione europea, nella parte in cui prevede che la

ATI Mista – Requisiti mandataria sub-raggruppamento orizzontale in misura maggioritaria. CGUE, 28 aprile 2022, C- 642/20

CON SENTENZA EMESSA POCHI GIORNI FA, LA CORTE DI GIUSTIZIA (CORTE DI GIUSTIZIA UE, SEZ. IV, SENTENZA 28 APRILE 2022, C-642/20, CARUTER SRL) HA RITENUTO OSTATIVA ALLA CORRETTA APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA APPALTI N. 2014/24/UE LA DISCIPLINA NAZIONALE CONTENUTA NELL’ART. 83,

Appalti di servizi e ATI – Corrispondenza quote di partecipazione e esecuzione. La relativa disciplina rimessa alle disposizioni della lex specialis della gara

RESTA CONFERMATO L’ORIENTAMENTO DELLA GIURISPRUDENZA AMMINISTRATIVA SECONDO IL QUALE DOPO LA SENTENZA DELL’ADUNANZA PLENARIA 28 APRILE 2014, N. 27 NON PUÒ DUBITARSI CHE, NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE, NON VIGE PIÙ EX LEGE IL PRINCIPIO DI NECESSARIA CORRISPONDENZA TRA LA QUALIFICAZIONE

RTI mista – normativa applicabile.

AL RAGGRUPPAMENTO MISTO SI APPLICANO SIA LE REGOLE DEI RAGGRUPPAMENTI VERTICALI QUANTO DI QUELLI ORIZZONTALI, A SECONDA DELLA COMPONENTE CHE NE VENGA IN RILIEVO, CON LA CONSEGUENZA CHE NEL SUB-RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE PER LA PRESTAZIONE SECONDARIA UNA DELLE IMPRESE (IN IPOTESI

ATI Sovrabbondanti – No esclusione automatica

LA PARTECIPAZIONE ALLE GARE DA PARTE DI IMPRESE RIUNITE IN RAGGRUPPAMENTI TEMPORANEI SOVRABBONDANTI NON È VIETATA IN VIA GENERALE DALL’ORDINAMENTO, ESSENDO VIETATO SOLO L’UTILIZZO DI TALE STRUMENTO GIURIDICO PER FINALITÀ ANTICONCORRENZIALI, GIUDIZIO DEMANDATO ALLA STAZIONE APPALTANTE. TAR Lazio Roma, Sez.