F A R E A P P A L T I

caricamento in corso....

LA MODIFICA SOGGETTIVA DEL RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI IMPRESE, IN CASO DI PERDITA DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE DI CUI ALL’ART. 80 D.LGS. 18 APRILE 2016 N. 50 (CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI) DA PARTE DEL MANDATARIO O DI UNA DELLE MANDANTI, È CONSENTITA NON SOLO IN SEDE DI ESECUZIONE, MA ANCHE IN FASE DI GARA, IN TAL SENSO INTERPRETANDO L’ART. 48, COMMI 17, 18 E 19-TER DEL MEDESIMO CODICE. LADDOVE SI VERIFICHI LA PREDETTA IPOTESI DI PERDITA DEI REQUISITI, LA STAZIONE APPALTANTE, IN OSSEQUIO AL PRINCIPIO DI PARTECIPAZIONE PROCEDIMENTALE, È COMUNQUE TENUTA AD INTERPELLARE IL RAGGRUPPAMENTO E, LADDOVE QUESTO INTENDA EFFETTUARE UNA RIORGANIZZAZIONE DEL PROPRIO ASSETTO, ONDE POTER RIPRENDERE LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA, DEVE ASSEGNARGLI UN CONGRUO TERMINE PER LA PREDETTA RIORGANIZZAZIONE.

Cons. St., Sez. V, 23.05.2022, n. 4068

“…Secondo tale orientamento – dal quale non vi è ragione evidente per discostarsi, nel caso di specie – la modifica soggettiva del raggruppamento temporaneo di imprese, in caso di perdita dei requisiti di partecipazione di cui all’art. 80 d.lgs. 18 aprile 2016 n. 50 (Codice dei contratti pubblici) da parte del mandatario o di una delle mandanti, è consentita non solo in sede di esecuzione, ma anche in fase di gara, in tal senso interpretando l’art. 48, commi 17, 18 e 19-ter del medesimo Codice.

Ne consegue che, laddove si verifichi la predetta ipotesi di perdita dei requisiti, la stazione appaltante, in ossequio al principio di partecipazione procedimentale, è comunque tenuta ad interpellare il raggruppamento e, laddove questo intenda effettuare una riorganizzazione del proprio assetto, onde poter riprendere la partecipazione alla gara, deve assegnargli un congruo termine per la predetta riorganizzazione.

In particolare, evidenza l’Adunanza plenaria, “il riconoscimento della possibilità di modificare (in diminuzione) il raggruppamento temporaneo di imprese, anche nel caso di perdita sopravvenuta dei requisiti di partecipazione di cui all’art. 80 del Codice dei contratti, determina che, laddove si verifichi un caso riconducibile a tale fattispecie, la stazione appaltante, in applicazione dei principi generali di cui all’art. 1 della l. n. 241/1990 e all’art. 4 d. lgs. n. 50/2016, debba interpellare il raggruppamento (se questo non abbia già manifestato la propria volontà) in ordine alla volontà di procedere alla riorganizzazione del proprio assetto interno, al fine di rendere possibile la propria partecipazione alla gara”.

Del resto, la possibilità della modificazione (in “riduzione”) del RTI, ricorrendo i presupposti di cui ai commi 17, 18 e 19-ter dell’art. 48 d.lgs. n. 50 del 2016, era già stata riconosciuta sempre dall’Adunanza plenaria di questo Consiglio, con le sentenze 4 maggio 2012, n. 8 e 27 maggio 2021, n. 10 (cfr. punti 29.1 e 29.2)…”

Articoli collegati